Pierre-Etienne Vilbert

Fotografie

E' nel 1996, sia come autodidatta che come professionista formato, che ha fatto la sua
prime armi con una vecchia Pentax, prima di acquistare la sua prima reflex Minolta.

Sperimentando sia il reportage che la fotografia di ritratto o di spettacolo, perfeziona
gradualmente il suo sguardo e inizia, già nel 1999, a vendere le sue immagini.
Dal 2003 collabora con diverse agenzie di comunicazione in Francia e lavora come segue
per molte aziende. Continua a rafforzare la sua tecnica di ripresa degli spettacoli.
(scene e backstage) e la ritrattistica, che nel 2010 diventerà il suo campo preferito.
Dal 2012 lavora a serie narrative, pensate come piccole storie senza parole, dove solo le immagini raccontano la storia.
Favorisce il momento decisivo, preferendo modificare le condizioni durante le riprese, piuttosto che affidarsi eccessivamente alla post-produzione. Lavora principalmente in digitale (Nikon) e si concede qualche scappatella in pellicola (6x6 Autocord).

Dal piacere di esplorare una città, al piacere di catturare uno sguardo intenso, al gioco di
linee e colori di un ambiente tenuto in una cornice, la fotografia è per lui una delle più importanti
rari spazi capaci di rivelare e trasmettere la fragile bellezza dei momenti.

Parallelamente alla sua attività di fotografo, è anche sceneggiatore e regista.