Jonathan Barbot

Fotografie

Jonathan Barbot è un fotografo-autore francese nato nel 1981 in Dordogna. Dopo aver studiato arti visive all'Università di Bordeaux III, si è imbarcato nel reportage fotografico, ha viaggiato in Africa, in America e ha scoperto l'universo giornalistico. Nel 2003 è entrato a far parte dell'ENS Louis Lumière di Parigi. La sua tesi di laurea: “Il paesaggio non fotografabile, itinerario di un'esperienza estetica” è riemersa la sua attrazione per la fotografia d'autore. Nella serie The Quarry, dedicata a una cava di pietra sfruttata per tutto il XX secolo prima di essere abbandonata, poi nella serie The Manor, si interessa dello spazio visivo che intercorre tra l'incessante lavoro di costruzione, restauro, decorazione dell'Umano e quella dell'eterno movimento - opposto - della Natura. La scala temporale è un elemento essenziale nel suo studio perché, nel breve periodo, l'Umano sembra riuscire a domare i materiali ea contenere gli elementi; ma per un periodo più lungo, la Natura, con la sua infinita resistenza, impone apparentemente il suo ritmo. Tutto l'interesse di questa ricerca risiede nell'energia residua di questo attrito: le fotografie di Jonathan Barbot puntano all'aura del luogo per evocare un ricordo, storie, un'immaginazione o semplicemente un'armonia formale. La cava è esposta nella FNAC di Francia e Europa, poi in Dordogna. Il maniero ha ottenuto la menzione "coup de cœur" dal Talent Exchange e poco dopo ha creato il grilletto a favore della fotografia di architettura. Nel frattempo diventa prima assistente della fotografa di moda Sophie Delaporte, poi torna a vivere a Périgueux nel 2009 per iniziare la sua carriera da freelance. “Quello che mi piace della fotografia di architettura è questo lavoro investigativo, studiare questa equazione che ha portato a questo, a questo edificio o a questo interno così, qui e non altrimenti. Da cosa esce? Collegamenti, nodi, attrazioni, tensioni, prospettive, dibattiti su cosa! Ogni giorno, ogni ora, ogni momento dalla costruzione fino a dopo c'è un dialogo tra il lavoro dell'architetto e la luce, la vita sul posto, l'ambiente che cambia. Il compito del fotografo è trovare e mostrare dove l'architetto è riuscito a creare armonia. »Www.jonathanbarbot.com

- Menzione Coup de cœur dal 36 ° Talent Exchange per la serie Le manoir, 2008. - 2004 Vincitore del Premio Hope dalla Fondazione Marcel Bleustein-Blanchet per la Vocazione.

MOSTRE PERSONALI - Périgueux Noir en Périgord Blanc, Giornate del Patrimonio, porte della Prefettura di Périgueux, 2017. - Périgueux in B&W e Lascaux II, in esposizione permanente nelle camere e nei corridoi dell'hotel Mercure a Périgueux. - Sito di restauro della chiesa di Lanouaille, chiesa di Lanouaille, 2016. - Sotto il cielo, Périgueux, vedute panoramiche di Périgueux, Tour Mataguerre, 2015. - La carriera, Teatro Odyssée, Périgueux, 2009. - Il carriera, Corgnac-sur-l'Isle, 2008. - La carriera, galleria Fnac Les Halles (2007), Fnac Strasburgo poi programmazione in Francia e in Europa. - The Ivory Art, marcia itinerante in Costa d'Avorio, Périgueux, 2001. - Il settore protetto di Périgueux; L'evoluzione di un cantiere edile urbano, mostre gemellate per le Giornate del Patrimonio, Périgueux, 2000. MOSTRE DI GRUPPO - Périgueux Noir nel Périgord Blanc, cantina Lardimalie, Saint-Pierre-de-Chignac, 2017. - Vista panoramica di Périgueux, 39 stampe di grande formato in mostra permanente presso l'agenzia Crédit Agricole Le Privilège a Périgueux, presso le sedi di Soyaux e Bergerac, giugno 2014. - “La Médiathèque de Bellac, Dalla commissione alla produzione”, 10 stampe 30x40 cm con l'architetto Nicolas Balmy-Atelier Spirale e la Communauté de Commune du Haut Limousin, 2013. - Lastrone di ghiaccio, stampa diasec 90x55 cm che partecipa alla mostra Sans 90 ° dell'artista-scenografo-designer Mathias Kiss alla Galerie Armel Soyer, 75003 Parigi, 2011. - Viste di Angoulême, 12 stampe 30x45 cm e 30x90 cm in mostra permanente presso l'agenzia principale del Crédit Agricole d'Angoulême, 2011. - Le montagne russe, 8 min lunghe esposizioni durante il giorno, lavoro collettivo , stampe e slide show sonoro alla FEMIS, giugno 2005, alla Rencontres d'Arles, luglio 2005 e alla MEP (Casa europea della fotografia) in occasione del Mese della fotografia e dell'80 ° anniversario dell'ENS Louis Lumière, novembre 2006. - Le Mois de la Photo 2004, produzione di una gazzetta esposta alla European House of Photography, 2004.