GUY MARINEAU

Fotografie

Guy Marineau è nato nel 1947 a Saint-Germain-en-Laye da padre vandeano e madre bretone. All'età di tre anni, quest'ultimo lo affidò a una zia in Bretagna, nella penisola di Crozon, a causa di piccoli problemi di salute. In seguito, decisero di lasciare la regione parigina e la famiglia si stabilì a Orthez, una piccola città nel sud-ovest della Francia.
La sua educazione gesuita, con Jean Charles de Castelbajac nello stesso collegio, lo inculcherà di valori essenziali. Si interessa al mondo delle immagini all'età di dieci anni e acquista la sua prima macchina fotografica, deludendo i progetti di sua madre, che lo vedeva come un banchiere. Nel 1963 inizia un apprendistato in un'azienda di fotografia. Per tre anni apprende l'arte del ritratto, della fotografia di matrimonio e del reportage come corrispondente per il giornale Sud Ouest, scattando foto in camera da letto, in studio e in laboratorio. Le basi della fotografia "provinciale" che gli serviranno per tutta la sua carriera.
Il suo servizio militare rimane un'esperienza fondante della sua vita e della sua professione: incorporato nel marzo 1967 nel 57° Reggimento di fanteria vicino a Bordeaux, sviluppò immediatamente un dono come "cecchino" e divenne tiratore scelto con il fucile. In seguito ha applicato la sua tecnica di ripresa alla fotografia di sfilata.
Nel 1971 lascia Béarn per trasferirsi a Parigi. È sceso dal treno alle 7 del mattino e ha trovato lavoro alle 11 del mattino. Il suo primo colloquio per un lavoro presso il servizio di identificazione fotografica della Prefettura è andato bene. Il secondo, con il grande gruppo di stampa Réalité, durante il quale gli è stato chiesto di realizzare stampe in bianco e nero in un laboratorio, è andato molto bene. Viene assunto sul posto: un'altra epoca...
Nei fine settimana viaggia per la Francia per dei reportage fotografici personali, che può sviluppare in laboratorio. Il suo lavoro viene notato ed è così che gli vengono affidate le sue prime relazioni professionali, in particolare a Belfast, dove è quasi morto in un'esplosione d'auto. Si occupa anche della rivoluzione dei garofani a Lisbona e si reca in Israele. A poco a poco, si sta facendo un nome.
Diventa amico di un ex fotografo e amico del signor Saint Laurent, André Ostier, per il quale realizza tutte le sue stampe in bianco e nero. Scopre così il mondo della moda attraverso le sue immagini. Nell'agosto del 1975, un cliente gli racconta di un giornale americano, il Women's Wear Daily, che cerca un fotografo. Il caporedattore dell'ufficio di Parigi lo ricevette e fu immediatamente assunto di nuovo.
Quando fu annunciato il suo stipendio, quasi dieci volte superiore a quello precedente, capì che si era appena trasferito in un altro mondo. Ignorando i nomi di persone influenti nel mondo della moda e dello spettacolo, passa ore a studiare, da autodidatta. Il suo primo reportage riguarda l'anteprima del film Emmanuelle.

Grazie alla sua versatilità, oltre che per la cronaca, viene inviato in parata e a coprire le mitiche serate del Palazzo.
Questo nuovo lavoro gli piace subito. Ammette di essere stato incredibilmente fortunato ad aver vissuto l'età dell'oro della sua professione, quando le casse di champagne venivano consegnate alla redazione contemporaneamente alle casse di acqua minerale, dove tutti gli eccessi erano consentiti. In un fine settimana a Deauville nell'hotel di Claude Lelouch a Deauville, 12.000 franchi di spese al minibar non hanno scioccato nessuno... Soggiornare negli hotel più grandi non è un privilegio, ma un'istruzione da parte dei redattori. Tuttavia, non si lascia mai affondare in nessun tipo di dipendenza o perde il senso dei valori, nonostante le 16 ore di lavoro quotidiano. Prima di andare a dormire, mette un asciugamano dell'albergo dove alloggia ai piedi del letto, in modo da sapere dove si trova quando si sveglia. Cambiare paese più volte in una settimana è un classico.
Dal suo primo incontro con Yves Saint-Laurent, Pierre Bergé e il loro team, le cose sono andate bene e naturalmente, in un clima di fiducia reciproca, per tutta la sua carriera. Guy sarà il loro fotografo per più di trent'anni, sia per sfilate di moda che per sessioni fotografiche più intime, in particolare nella casa del signor Saint-Laurent a Marrakech.
Avrà la stessa sensazione lavorando per Christian Lacroix e Valentino, e sempre per diversi decenni. In un ambiente così versatile, collaborazioni così leali e relazioni privilegiate sono più che degne di nota.
Guy rivendica il suo status di precursore nell'uso dei teleobiettivi. Già nel 1979 si attrezzava così in fondo al podio e scattava foto di modelle che non venivano disturbate dal pubblico. Una tecnica copiata all'istante e sempre ineguagliabile.
Un lunedì mattina del 1985, un lunedì mattina, si accorse che le serrature del suo ufficio erano state cambiate: sapeva un po' troppo della vita privata di un importante collaboratore. Gli svantaggi del lavoro, dove i confini tra vita professionale e vita personale sono ridottissimi.
Il giorno dopo, una telefonata da American Vogue. Prima di accettare l'offerta, si è informato sul futuro del loro attuale fotografo. Non c'è modo che prendano il suo posto. Gli viene detto che non è più in gara da troppo tempo, che è diventato incontrollabile. Guy chiama il fotografo in questione, che gli dice senza ironia: "Vai avanti. Comunque, sono fottuto. »
A Vogue, con l'aiuto di due assistenti, Guy copre il 90% degli spettacoli. La sua vita, che ora si svolge tra Parigi, New York e Milano, diventa più riposante. Il suo affetto per il signor Saint Laurent rimane incrollabile.

Nel 2000 l'avvento della fotografia digitale ha cambiato tutto questo. Ha cercato più volte di convincere il direttore artistico di US Vogue ad abbandonare il cinema, è stato scavalcato da un altro fotografo e ha perso il lavoro.
Sentiva che questa nuova tecnologia aveva ucciso la professione: con essa non c'era bisogno di assistenti e la gente sparava ad ogni passo. Purtroppo, dai 325 fotografi di sfilate di moda accreditati in Francia nel 1985, il numero è salito a circa sessanta, sotto contratto con gruppi finanziari. Tutte le foto delle sfilate di moda ora hanno lo stesso aspetto.
L'11 settembre 2001, Guy è a New York. La sera, mentre aspetta al semaforo rosso in una Times Square deserta ma polverosa, sente parlare il francese. E' Claude Lelouch. L'uomo che vent'anni prima gli aveva detto di averlo fotografato nello stesso modo in cui lo aveva filmato, lo riconobbe subito. Un bell'aneddoto su una professione o, a volte, anche quelli che hai aiutato a dimenticare.
Ora, osservatore della professione che amava tanto, Guy si ritira felicemente nel suo archivio, che intende condividere con il grande pubblico. È consapevole di aver condotto una carriera che molti potrebbero invidiarlo. Al di là del "fare immagini", questa professione gli ha permesso di condividere momenti forti e umanamente arricchenti con la maggior parte dei suoi modelli, sia della moda che del mondo del cinema.
Inoltre, colui che "avrebbe potuto avere una bella collezione di foto di cadaveri - se avesse perseverato nell'identificazione forense -, si è trovato con una collezione di foto di belle ragazze". »