CYBER WEEK : una settimana di promozioni per prepararsi al Natale! ► Acquista ora
Foto artistica
CinemaSportMusicaPaesaggioPersonalitàAnimaliBianco & neroPer umoriPer camere

Franco Origlia

Fotografie

Franco Origlia nato a Roma, 1956, ha studiato presso l'Università DAMS (Istituto di Comunicazione e Spettacolo) di Bologna. Con sede a Roma, ha lavorato dal 1988 al 2001 come corrispondente fotografo italiano per l'agenzia francese Sygma, e nel 2002 ha iniziato la sua collaborazione con Getty Images. Dal 1988 è uno dei pochi fotografi fissi accreditati in Vaticano. Le sue fotografie sono state pubblicate nelle principali riviste internazionali. In Italia ha collaborato direttamente con Epoca, Panorama, Corriere della Sera Magazine, l'Espresso e Ventiquattro. Dal 1997 al 2001 ha realizzato più di cinquanta copertine della Gazzetta dello Sport Magazine (il settimanale dei quotidiani sportivi italiani più venduti). Franco Origlia ha pubblicato due libri: Max Biaggi” (Editore: Leonardo Arte; 1999 edizioni inglese e italiana, Sponsor: PhilipMorris e Q8 Petrol) e “InterCampus, Sport, Passione, Impegno” (Editore: Skira 2012). Dal 1997 segue InterCampus, un programma sociale e di cooperazione flessibile ea lungo termine promosso da FC Internazionale Milano che coinvolge 10.000 bambini bisognosi in 21 paesi esteri. Nelle sue stesse parole: mi considero un artigiano della fotografia, ho viaggiato e sto percorrendo tutte le direzioni della fotografia editoriale: sport, cronaca, spettacolo, ritratto, illustrazione... a volte anche aziendale e pubblicitaria, cercando sempre di conciliare le esigenze del cliente con il mio punto di vista. Per ora non mi piace festeggiarmi con mostre o partecipando a concorsi, preferisco continuare a scattare sempre più foto che possano raggiungere un pubblico sempre più vasto e popolare. Che siano riviste, giornali, o striscioni, non importa dove sia da loro che voglio essere giudicato (anche se ormai quasi tutti ignoreranno la firma dell'autore). Dal 1985 ho continuato a svolgere questa professione con grande passione e tenacia, ma come dice il caro Henri Cartier Bresson "Sono sempre un dilettante, ma non sono più un principiante".